Introduzione

Le pratiche igieniche che si effettuano a livello di cuoio capelluto e di

capelli, hanno la finalità di asportare la patina superficiale costituita da

secrezioni sebacee degradate, sporcizia, cellule desquamanti e prodotti di

rifiuto del metabolismo cellulare. Tutte queste sostanze, infatti,

depositandosi anche sui capelli, oltre a creare problemi di ordine

puramente igienico, danno ad inconvenienti estetici, tipo appesantimento

dell’acconciatura, opacità dei capelli, untuosità, ecc… La detersione,

inoltre, deve preparare il terreno ad eventuali, successivi interventi.

E’ di fondamentale importanza che questa azione venga nel rispetto della

fisiologia del cuoio capelluto e dei capelli.

Pertanto, non deve provocare

una eccessiva delipidizzazione, al fine di non alterare, o addirittura,

eliminare il mantello idrolipidico. Lavare la capigliatura è sempre stata

considerata, a torto, una operazione semplice e di poca importanza. Si

 

 

tratta, invece, di un servizio determinante che può influire positivamente o

negativamente su tutto il lavoro successivo. Gli shampoo sono poco schiumogeni il loro compito è proprio quello di limitare il volume della schiuma sviluppata. Infatti, laggressività di uno shampoo è direttamente proporzionale alla quantità di aria

contenuta nella schiuma. E’ molto importante, inoltre, il tipo di

tensioattivo che determina l’azione lavante dello shampoo. Gli shampoos

non risultano aggressivi perché sono ortodermici, cioè,

pur offrendo un’ottima detersione, rispettano l’equilibrio funzionale di

cuoio capelluto e capelli. Parlando di detersione, non dobbiamo

dimenticare la Lozione , che ha la proprietà

di provocare un’azione tonica e stimolante sul cuoio capelluto, conferendo

una sensazione di benessere. Queste lozioni hanno soprattutto la

caratteristica di conservare la normale

 

 

funzionalità del cuoio capelluto e di

rendere la capigliatura bella ed abbondante, inducendo nel complesso delle

funzioni estetiche, che regolano la vita dei capelli, le modificazioni più

appropriate. Possiamo differenziarle a seconda del ruolo che svolgono a

livello del cuoio capelluto e dei capelli. Pertanto, vi sono lozioni che permettono di pulire a fondo il cuoio capelluto, asportando le cellule epidermiche cheratinizzate e le sostanze grasse in eccesso, che limitano la normale funzionalità dell’apparato pilosebaceo.

Altre lozioni hanno lo scopo sia di apportare sostanze delle quali possono

essere carenti capelli e cute, sia di prevenire l’instaurarsi di condizioni anomale.

 

Retour à l'accueil